SMARRIMANTO Richard Powers

SMARRIMANTO, di Richard Powers (La nave di Teseo – ottobre 2021)

 

“Condividono tante cose, l’astronomia e l’infanzia. Entrambe sono viaggi lungo enormi distanze. Entrambe cercano fatti ben oltre la loro capacità di comprensione. Entrambe teorizzano enormemente e lasciano che le possibilità si moltiplichino senza limiti. Entrambe sono mortificate a intervallo di qualche settimana. Entrambe agiscono per ignoranza. Entrambe sono ingannate dal tempo. Entrambe stanno sempre cominciando qualcosa.”

Per prima cosa devo dire che ho finito un libro bellissimo: non sto nella pelle e devo dirlo!  Una storia intensa, scritta benissimo e piena di spunti di riflessione importanti.

Oh, l’ho detto. Quando finisco un libro e ho entusiasmo io ho bisogno di dirlo perché voglio che tutti lo leggano e provino quello che provo io.

La storia si svolge in un futuro prossimo in America ed ha diversi protagonisti: Theodore  Byrne, astrobiologo, il padre, Robin, il figlio “speciale” con disturbi comportamentali e di attenzione, Aly, la moglie morta che era una appassionata attivista ecologista, la scienza, compagna e amica fedele di Theo e Robin, le contraddizioni dell’America e l’inciviltà degli esseri umani nel mondo. Pagina dopo pagina si entra in confidenza con tutti i personaggi grazie alla scrittura impeccabile di Powers (per me primo incontro con questo autore che si è già meritato un posto in pole position).

Questo amore del padre verso il figlio, un amore così profondo che lo spinge a cercare nella scienza, sua passione, le risposte e le cure per il suo bambino, grazie alla scienza gli farà sperimentare i neurofeedback decodificati; poi l’amore viscerale per questo bambino lo porterà a cercare risposte nella natura. La natura é l’altra madre a cui lo affida. Lui, Robin, che dentro un corpo ed una testa meravigliosi fatica a trovare il modo di stare al mondo si affida al padre, alla scienza, e al profondo ricordo della madre e soprattutto si affida al respiro del mondo e alla sua grande passione: gli animali in via d’estinzione. In ogni piega dei protagonisti si scorge smarrimento. Quello smarrimento, qualunque sia la sfumatura percepita, appartiene a tutti.

Al momento mi appartiene quello smarrimento e mi sono fatta prendere per mano da Theo e attraverso la scoperta di pianeti lontani e vicini la cui descrizione altro non é che vita, con dinamiche del tutto naturali, quello smarrimento é diventato respiro. Aly, la cui morte la si apprende dalle primissime pagine é viva nel libro più che mai…viva lei e non l’America, contraddittoria e miope, e non il mondo che stiamo lasciando ai nostri figli.

Dove ci porterà tutto questo smarrimento?

Io non posso fare altro che consigliarlo.

Recensione di Maria Elena Bianco

SMARRIMANTO Richard Powers

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.