OLTRE Marilena Colangelo

OLTRE, di Marilena Colangelo (Porto Seguro – maggio 2021)

 

Marilena Colangelo
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Ho aspettato che finisse l’anno per recensire questo libro.
Ogni anno che si conclude ci si augura che porti con sé tutti quei momenti difficili, dolorosi, lasciando per ultimo una boccata dolce di auguri e speranza, per andare “Oltre”.

La speranza e l’augurio che l’anno nuovo sia l’anno giusto per attraversare quel colle dove spazia l’infinito, il blu e il verde si mescolano nella forza e il coraggio dell’amore. E poterlo finalmente percorrere, questo benedetto colle, a testa alta senza la paura di quello che è stato e quello che sarà.

Il romanzo di Marilena Colangelo è un romanzo di donne, per le donne, con le donne. E mi permetto di dedicarlo a tutte le Maddalene,  Madonne, streghe e sante, principesse e zingare, figlie di Athena e di Circe, sorelle di Afrodite,  portatrici, sempre, di vita.
Lo dedico agli uomini, quelli veri, principi della libertà e dell’amore, eroi guerrieri del quotidiano.

A tutte quelle persone che in questo mondo profondamente ferito riescono a sentire, tra le piaghe in cancrena, il profumo della vita, malgrado tutto.

Andare “Oltre” il male subito per sorte e volontà, “oltre” quel muro di imbarazzante silenzio e frantumarlo con la forza disperata della conquista e della vittoria, in qualunque caso.

Nulla è mai perduto quando si ama, di quell’amore che recide catene, va oltre il becero e volgare sentimentalismo, va oltre le convenzioni, i pregiudizi, le maschere, la presunzione di valere senza il suo opposto (fondamentale dialettica costruttiva),  senza l’altro: complemento universale di crescita. Ricordiamocelo sempre.

E ricordiamoci sempre che gli esseri umani si distinguono dalle bestie perché possiedono l’intelligenza dell’amore, con essa si riconoscono e sono capaci di riconoscere gli altri. È ora di finirla di fare i pagliacci, malvagi buffoni, prepotenti marionette, stupidi clowns. È ora di essere Umani!

“Per quanto tu possa continuare a fuggire, l’amore o il dolore, prima o poi, ti troveranno e giocheranno ancora con te, con quello che sei e con quello che hai paura di diventare: umano”

Alex White e Reagan, protagoniste di questo romanzo scritto con il sangue che sgorga dal profondo delle viscere, vi augurano, insieme, mano nella mano, un anno di grande forza.

 

 

Ringrazio vivamente l’autrice per avere raccontato, con la potenza delle parole, una storia dal cammino, sì doloroso, ma di  grande, intensa positività.

Vorrei dire tanto, molto altro ancora su questo romanzo, ma le mie parole potrebbero essere spazzate dal vento e dimenticate:  è molto meglio che sia la storia di Marilena Colangelo a parlare con i lettori.
Pertanto con semplicità e serietà vi invito alla lettura per potere andare “Oltre”.
Auguri.

“…di quelle parole
Dille come se non ci fosse nient’altro
Chiudi gli occhi e potrai cominciare a vedere un’altra via d’uscita.
Apri, apri il tuo cuore a me adesso.
Lascia che tutto venga fuori.
Non c’è niente che io possa prendere.
E se c’è amore, percepiscilo.
E se c’è vita, lo vedremo.
Questo non è il momento per stare da soli, sì
Io non ti lascerò andare.
E se il tuo cielo crolla

Allora prendi la mia mano e stringila.
Non devi essere sola  sola, sì
Io non ti lascerò andare…”

Recensione di Patrizia Zara

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.