LO SCANNATOIO (L’assommoir), di Émile Zola

LO SCANNATOIO (L’assommoir), di Émile Zola

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

Zola Émile • Lo scannatoio (L’assommoir) • anno 1877 Zola continua la sua saga dei Rougon-Macquart narrandoci le vicissitudini di una famiglia operaia che vive, ai limiti dell’ indigenza, nei sobborghi di Parigi.

Una tragica parabola, comune a molte se non a tutte le famiglie di quel tipo, che finisce, a causa dell’ozio e dell’alcol, in una fatale degenerazione con promiscuità sessuale e in generale nessun valore morale. Gervaise è la protagonista assoluta, un esserino di cui il destino non ha nessuna pietà disegnandole una parabola fatalmente discendente e ciò non solo per il contesto sociologico in cui la vicenda si dipana ma anche per le sue scelte, per i no non pronunciati, per l’incapacità di imporsi in momenti cruciali e di seguire il rigore invece di lasciarsi andare.

 

 

Nonostante ciò Gervaise. è a mio parere, una figura estremamente positiva. Ama con tutta se stessa e lo dimostra all’inizio del romanzo, quando aspetta il suo amato tutta la notte e in seguito al risveglio di una Parigi ancora sonnolenta, nell’inconsapevolezza ma anche nella paura di essere stata abbandonata, si determina ad aprire una sua attività, dopo aver sgobbato per anni, e ci investe tutta la sua energia vitale, cura con tutta se stessa il marito precipitato dal tetto. È vero fallisce, ma almeno ci ha provato!

 

 

A metà romanzo ho iniziato a capire che quelle circostanze, quei comportamenti non sono così lontani, come mi erano sembrati, dai comportamenti tenuti da persone della nostra società (soprattutto se intesa globalmente, come mondo intero). E se si va oltre il modo di vestire ed alcuni modi di comportarsi, ormai desueti o superati, dei protagonisti, ci si rende conto che la miseria e le aberrazioni fanno ancora parte della nostra vita, come tanti miei clienti in questi anni di attività mi hanno dimostrato.

Non c’è bisogno di recerai in paesi poverissimi e sovrappopolati per avere conferma di tutto ciò, perché anche in Italia si muore ancora di fame e alcune (troppe) persone subiscono maltrattamenti.

 

Recensione di Barbara Gatti

LO SCANNATOIO (L’assommoir) Émile Zola

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.