IL TEMPO DI TORNARE A CASA Matteo Bussola

Feltrinelli KOBO Fomia maggio

IL TEMPO DI TORNARE A CASA, di Matteo Bussola (Einaudi – novembre 2021)

 

Bussola per me è sempre una coccola per l’anima, e questa volta mi sono concessa la prima edizione con in omaggio la cartolina segnalibro che riproduce un’illustrazione dell’autore.

Mi piace pensare che prima o poi avrò modo di avere un suo autografo sia sulla cartolina che sul volume.

Veniamo al dunque.

Il tempo di tornare a casa racconta di eventi e di vite che si sfiorano, a volte cambiandole per sempre, a volte lasciando solo una piccola impronta sul sentiero delle varie esistenze che si incontrano. Ogni personaggio ha una storia, che però non è solo sua: coinvolge sempre anche qualcun altro, seppur di sfuggita. Ogni istante è una storia, ogni storia ne influenza un’altra.

Bussola ci porta in una stazione ferroviaria, e quale posto migliore può accogliere gli arrivi, le partenze e i passaggi delle umane esistenze?

L’autore ci insegna a riconoscere non la storia, ma l’esistenza di una storia dietro ogni sguardo, dietro ogni parola sgarbata, dietro i gesti semplici e quelli eclatanti: siamo tutti universi, di emozioni e di vissuti, di turbamenti e di riscatti, a volte di sconfitte, ma non neghiamoci le vittorie.

A cosa servono le storie?

Matteo Bussola ci rivela il suo pensiero al termine del volume, e condivido la sua idea.

Il tempo di tornare a casa è anche il palcoscenico perfetto per il ritorno di due vecchie conoscenze, che è stato un piacere rileggere.

Con una scrittura sempre snella ma raffinata, alla portata anche di un lettore sfinito da una giornata impegnativa o da un anno da dimenticare, eppure piacevole anche per chi ha l’argento vivo addosso e la voglia di gridare la propria gioia di vivere, Bussola è come la tachipirina: fa bene a tutti, tranne ai pochi allergici (che si sa, mica si può andare bene a tutti).

Il libro si legge in una giornata, è suddiviso in tanti brevi capitoli autoconclusivi ma che si intrecciano con quelli che seguono e che precedono, senza che magari i protagonisti nemmeno se ne rendano conto.

Perché così è anche la vita: tutto scorreva prima e scorrerà anche dopo il nostro passaggio, eppure siamo passati, e questo è già qualcosa che fa la differenza più spesso di quanto si possa credere.

Recensione di Giulia Baroni

IL TEMPO DI TORNARE A CASA di Matteo Bussola

Matteo Bussola
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Feltrinelli KOBO Fomia maggio

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.