IL LIBRAIO DI KABUL Åsne Seierstad

IL LIBRAIO DI KABUL Åsne Seierstad Recensioni Libri e News UnLibro

IL LIBRAIO DI KABUL, di Åsne Seierstad

Novembre 2001. Åsne, norvegese, corrispondente di guerra in Europa, entra a Kabul e nella vita di Sultan Khan, il libraio coraggioso che sfida la polizia religiosa. Per Sultan Khan, la giovane ragazza sarà per quasi un anno “la figlia bionda”.
IL LIBRAIO DI KABUL Åsne Seierstad

Silenziosamente, con delicatezza, Åsne entra in punta di piedi nella casa di questo coraggioso uomo e, lasciandosi toccare dalla diversità senza mai giudicarla, nel cuore di una cultura estremamente diversa dalla sua, lontana dal suo mondo.

Ospite privilegiata della casa sarà testimone di amori proibiti, crimini, punizioni e ingiustizie.

E, in questo accurato e scorrevole reportage che si legge come un romanzo, la giornalista diventa voce di un popolo che cerca di risollevarsi dopo la guerra, soprattutto delle donne -considerate merce di scambio tra famiglie- che subiscono umiliazioni e ingiustizie sotto il regime talebano.

 

Norvegia e Afghanistan, due mondi lontani geograficamente e culturalmente, si incontrano fra queste straordinarie pagine che raccontano uno spaccato di vita unico.

«Il giorno dopo andai a trovare Sultan nella sua libreria e gli esposi il mio progetto.

“Grazie mille”, disse lui, semplicemente.

“Questo però significa che dovrò vivere insieme a voi.”

“Benvenuta.”
“Dovrò andarmene in giro con voi, vivere come vivete voi. Con te, le tue mogli, le tue sorelle, i tuoi figli.”
“Benvenuta”, mi ripeté.»

Semplice. Profondo. Emozionante…Bello!

Recensione di Erika Polimeni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.