IL COMPAGNO Cesare Pavese

IL COMPAGNO, di Cesare Pavese (Einaudi)

 

Pablo è un ragazzo che vive a Torino con i genitori, suona la chitarra, ha degli amici. Un ragazzo come tanti. L’amico Amelio cade con la moto e resta paraplegico. Pablo conosce la ragazza di Amelio, Linda, ed inizia a frequentarla. Siamo nel ventennio fascista. Pablo si racconta in prima persona ma in fondo non dice molto di sé. Ha ancora le idee poco chiare. Linda sembra preferirgli Lubrani più maturo e affermato negli affari. Pablo abbandona le notti e i locali torinesi per recarsi, con la sua chitarra, a Roma dove frequenta vecchi e nuovi amici e ha una nuova ragazza, Gina. Pablo prende gradualmente coscienza della situazione politica, riflette sul clima liberticida di quegli anni. Alcuni dei nuovi amici sono antifascisti dichiarati e consapevoli, fanno riunioni, leggono libri proibiti. Ci sono degli arresti ed anche Pablo finisce, per un breve periodo, in prigione e viene obbligato a rientrare a Torino.

Pablo è probabilmente il prototipo di un ragazzo di quegli anni che ha amici, ragazze, progetti e che si trova a convivere con il fascismo di cui ha inizialmente un’idea confusa. Anzi direi che tutta la sua vita è in qualche modo ancora da impostare. Il processo di maturazione è lento, tormentato. Pablo non è un intellettuale, è un ragazzo semplice e la sua quotidianità scorre tra questioni ancora irrisolte.

Un libro breve, un linguaggio essenziale, un po’ spigoloso, nello stile di Pavese. Credo uno dei suoi libri meno riusciti e forse l’unico che si rivolga direttamente alle tematiche politiche e sociali. Comunque è molto interessante la visione della società di allora fatta con gli occhi di questo ragazzo ed è notevole la potenza espressiva dello stile asciutto di Pavese.

Recensione di Stefano Benucci

Il Compagno Cesare Pavese

 

 

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.