FRATTURA Andrés Neuman

Frattura

Il kintsugi, (letteralmente “riparare con l’oro”), è una pratica giapponese che consiste nel riparare oggetti in ceramica utilizzando la polvere d’oro. In questo modo l’oggetto riparato assume più valore di quando era integro.

Yoshie Watanabe è sopravvissuto per caso alle bombe di Hiroshima e di Nagasaki, dove ha perso genitori e sorelle.

È il vaso rotto che cerca nella vita l’oro necessario a riparare le sue fratture.

Guidato da una ferrea volontà, Yoshie lascia Tokyo e inizia a viaggiare per lavoro. Ad ogni avanzamento di carriera, uno spostamento: Parigi, poi New York, Buenos Aires, Madrid.

E in ogni città un amore, una manciata di polvere d’oro che contribuisce a restituirgli la solidità necessaria per ritornare nel suo paese.

Poi, nel 2011, il disastro di Fukushima; qualcosa si smuove in Yoshie che, ormai pensionato, vive a Tokyo. Le cicatrici ormai quasi dimenticate si fanno sentire di nuovo e lo spingono irresistibilmente verso il luogo da cui hanno avuto origine tante nuove fratture.

La storia di Yoshie è raccontata dalle quattro donne che lo hanno amato nelle città dove ha vissuto; grazie all’indiscutibile bravura dell’autore, sembrano quattro penne diverse.

Questo artificio rende più agile un libro veramente bello che rischiava di essere molto angosciante; il risultato è un messaggio di serenità e di resistenza ai colpi della vita.

Recensione di Elena Gerla
FRATTURA Andrés Neuman

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.