DENTRO L’INVERNO Peter Geye

DENTRO L’INVERNO, di Peter Geye

Nel Minnesota, il termometro rivela che quello in corso è il più freddo degli ultimi cent’anni e il vecchio Harry Eide è scomparso ormai da da una settimana: si è inoltrato nella boscaglia , facendo perdere le sue tracce presso una forra dal sinistro nome di Bocca del Diavolo. Che cosa ha spinto Harry Eide a lasciare la sicurezza della sua casa per cercare una morte certa nei boschi innevati? La sua compagna e il figlio di Harry cercano una risposta ripercorrendo la vita dell’uomo.

Dentro l’inverno è il terzo capitolo di una saga familiare che racconta un’America di confine, “estrema”, dalla quale emerge la storia della comunità svedese del Minnesota, che pare aver ricercato in America quell’inverno aspro e perenne che avrebbero dovuto lasciarsi alle spalle e che invece sembra ancora suggellare inconfessabili segreti dei quali vorrebbero, invece, liberarsi Harry e suo figlio, amanti delle avventure tra i boschi, romanticamente affezionati al mito dei portages, sentieri selvaggi che i viaggiatori antichi percorrevano portando sulle spalle le imbarcazioni; le immagini invernali, vivide, precise ed estremamente evocative fanno da sfondo alle diverse vicende che compongono l’affresco narrativo di questo interessante romanzo che rende omaggio alla maestosa e selvaggia natura Nordamericana e tesse una trama nella quale il bianco accecante della neve è in netto contrasto con il nero più scuro che si annida nelle anime degli abitanti di quella provincia così fuori mano.

Lettura interessante, ben tradotta: il libro, però, fa parte di una trilogia che al momento non risulta edita in Italia e entrare nella storia così non fa un buon servizio a un libro che, a causa della sua ambientazione particolare e dei numerosi personaggi, a prima vista appare più ostico di quello che è.

Recensione di Valentina Leoni

DENTRO L’INVERNO Peter Geye

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.